DA OGGI LE IMPRESE POTRANNO CHIEDERE CONTRIBUTI SE ASSEGNANO AZIONI AI LAVORATORI

L'impresa vuole finanziarsi? I lavoratori vogliono contare di più in azienda?
Da oggi le imprese che vogliano vendere o assegnare gratuitamente azioni ai lavoratori possono ricevere un contributo dallo Stato.
Si tratta di una misura positiva sia per l'azienda che per il lavoratore.
L'impresa può, infatti, in questo modo finanziarsi ma anche fidelizzare il lavoratore che, se diventa anche se solo in parte "proprietario" di minoranza dell'azienda, può assumere un atteggiamento maggiormente proattivo.
Il lavoratore, dal canto suo, può investire i propri risparmi risparmiando rispetto a quanto il mercato gli offrirebbe e può "partecipare" all'impresa che gli da lavoro.
Ma andiamo per ordine.
Altro

PER LICENZIARE LE ASSENZE DEVONO ESSERE DI QUALITA’

E' di non poco interesse, la sentenza del Tribunale di Brindisi, Sezione Lavoro del 26 ottobre 2016 relativa ad un caso di contestazione fatta da un lavoratore alle ragioni poste a fondamento del suo licenziamento.
Nello specifico il lavoratore, ha lamentato la discriminatorietà del licenziamento, avendo la società indicato tra le assenze anche quelle determinate dall'esercizio dell'attività sindacale.
Il ricorrente, ha poi chiesto anche la reintegra nel posto di lavoro precedentemente occupato, oltre al pagamento dell'indennità risarcitoria dalla data di licenziamento sino all'effettiva reintegra ed al versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali.
Altro

RIFLESSIONI SUL RITO FORNERO

SENTENZA dell'8 giungo 2016
Dott. Tatarelli Presidente estensore
Dott.ssa Miccichè Consigliere
Dott. Casciaro Consigliere
MASSIMA
La Corte d'Appello di Roma ha ritenuto ammissibile e tempestiva l'opposizione proposta in via meramente incidentale, nel c.d. Rito Fornero, a fronte dell'opposizione ritualmente proposta entro 30 giorni dalla controparte. In tal caso, infatti, in applicazione del diritto di difesa e del diritto al giusto processo, deve essere garantito il diritto all'impugnazione anche alla parte che ha lasciato spirassero inutilmente i termini per l'opposizione stessa.
Altro